Follia omicida: sterminata un'intera famiglia

Visite: 289

Strage a Licata (AG), dove un uomo ha ucciso quattro persone e tentato poi di togliersi la vita. Alla base dell'accaduto ci sarebbe stata una lite per motivi di interesse per alcuni terreni.

L'uomo, un 48enne incensurato, ha sparato dei colpi di pistola a 4 familiari, uccidendoli. Le vittime, appartenenti allo stesso nucleo familiare, sono il fratello, la cognata e due nipoti minorenni, di 11 e 15 anni, dell'assassino. A dare l'allarme sarebbe stata la moglie di quest'ultimo.

La strage si è consumata in un appartamento di via Riesi a Licata. Subito dopo, il 48enne si è dato alla fuga, ma, braccato dai carabinieri, mentre parlava con loro al telefono, ha deciso di togliersi la vita.

Gli investigatori stavano tentando di convincerlo a costituirsi, ma, quando sembrava incline ad arrendersi e a raggiungere la caserma, hanno sentito al telefono uno sparo. L'uomo è stato trovato in una strada in contrada Safarello mentre respirava ancora. È stato subito trasferito all'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta, dov'è giunto in gravissime condizioni e ne è stata dichiarata la morte cerebrale.

Secondo le prime testimonianze fornite ai carabinieri da alcuni vicini di casa delle vittime, la strage sarebbe avvenuta dopo una lite familiare per la suddivisione di alcuni terreni in cui vengono coltivati carciofi.

A coordinare le indagini è il Procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio.

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments