Rubò smartphone da un’auto in sosta. La Polizia di Stato esegue l’ordinanza di misura cautelare in carcere

Visite: 240

I poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Capo d’Orlando lo avevano arrestato ad inizio giugno. Si tratta di un 19enne, cittadino di nazionalità tunisina, pluripregiudicato per reati specifici, aveva rubato un telefono cellulare da un’auto in sosta nei pressi della stazione ferroviaria di quel centro, approfittando della momentanea assenza del malcapitato. Ad incastrarlo, le immagini di videosorveglianza di un esercizio commerciale.

I poliziotti avevano ricostruito la vicenda dopo aver trovato il giovane in possesso del telefonino e di ulteriori due smartphone e di una chiave con timbro FS, normalmente in uso ai capitreno per aprire gli scompartimenti.
Nei giorni scorsi, gli stessi poliziotti, con l’ausilio dei militari della Stazione Carabinieri di Campobello di Mazara, hanno eseguito la misura di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Patti in aggravamento alla misura di obbligo di dimora a cui il diciannovenne era già sottoposto.