Le nuove amministrazioni riusciranno a dare l’impulso giusto a questo territorio? Lunedì a Dèmos

Tra i comuni interessati dall’ultima tornata elettorale c’erano anche due centri della fascia tirrenico- nebroidea che hanno eletto sulla poltrona di sindaco due new entry. Ad Acquedolci a vestire la fascia tricolore è Alvaro Riolo, avvocato, già presidente del consiglio comunale dal 2002 al 2007 durante l'Amministrazione guidata da Salvatore Oriti, e che per i prossimi cinque anni dovrà guidare la comunità acquedolcese. Ha avuto la meglio sugli altri due candidati, Salvatore Caputo e Francesco Genovese raggiungendo la soglia del 61,5 % dei voti. La lista collegata al neo primo cittadino “Ascoltiamo Acquedolci” ha ottenuto il 62,5% di preferenze ottenendo così 8 seggi nel consiglio comunale. Un nuovo modo di intendere e fare politica: così Riolo vuole caratterizzare la sua amministrazione aspirando a un cambio di rotta rispetto a quanto avvenuto negli ultimi anni nel centro tirrenico. Sono tante le sfide che si stagliano all’orizzonte adesso per un comune importante come Acquedolci, sulla costa dei Nebrodi. Sfide sul piano dello sviluppo economico, turistico e per il miglioramento della vivibilità. Un’elezione sull’onda della continuità invece a Capri Leone dove a diventare sindaco è stato con il 40,24% dei voti Filippo Borrello, già vice sindaco e assessore alla pubblica istruzione nella giunta dell’uscente Bernadette Grasso. Borrello ha ottenuto 1.248 voti sbaragliando gli altri candidati in una campagna elettorale difficile perché caratterizzata da altri tre candidati a sindaco e rispettive liste. Borrello ha battuto Antonino Fiore, ex assessore della giunta Grasso sino allo scorso inverno e il capogruppo uscente in consiglio Salvatore Caputo, che resta fuori dal comune dopo oltre vent’anni. Nettamente distaccato il candidato del movimento 5 stelle Salvatore Paterniti Isabella. Per Borrello ora cinque anni davanti per portare avanti nuovi progetti di sviluppo per Caprileone, altro comune divenuto importante per il comprensorio soprattutto con il centro di abitato di Rocca. In tempi di crisi e di “vacche magre” queste nuove amministrazioni riusciranno a dare l’impulso giusto a un territorio che sembra costantemente con il freno a mano tirato?
 

Si parlerà di questo nell'appuntamento con Demos di lunedì alle 20.55 su OndaTV canale 85In replica il martedì alle 15.00 e mercoledì alle 18:00. 

Visite: 3920

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments