In Sicilia si conferma la vittoria dell'astensionismo

Le urne per l'elezione del presidente della Regione e dell'Assemblea regionale siciliana si sono aperte stamattina alle 8. Al voto 4 milioni 661.123 elettori chiamati a scegliere uno dei cinque candidati governatori. Con un avversario in più da battere: l'astensionismo. Nel 2012 si recarono ai seggi solo 2,2 milioni di siciliani, appena il 47,07%. Lo spoglio iniziato alle 8 di questa mattina ha suscitato non poche polemiche. Il primo dato certo di questa consultazione è quello dell'affluenza. In Sicilia infatti si conferma la vittoria dell'astensionismo.  La provincia piu’ virtuosa e’ quella di Siracusa (12,23%). A seguire Ragusa (11,24%), Palermo (11,06%). In forte calo la provincia di Catania dove si e’ recato alle urne nelle prime 4 ore il 7,76% degli elettori, a fronte del 13,31% di cinque anni prima. In calco Messina con il 10,5% (il dato era del 12,75% nel 2012). A Trapani ha votato il 9,6%, a Caltanissetta l’8,73%, ad Agrigento l’8,1% e a Enna il 7,43%.  Rispetto alla stessa rilevazione di cinque anni fa, l’affluenza e’ in calo in tutte le province.

Visite: 980

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments