TUTTO IN - Naxos Grecia e San Fratello

Visite: 241

Domenica 11 Marzo 2018 ore 22:45

Grecia: Naxos, il mito di Bacco e Venere
È la prima volta che “Tutto In” il programma “on the road” di Onda Tv ritorna nello stesso luogo. Le immagini che ci avevano fatto vedere l’estate scorsa quando avevano messo piede a Naxos ci avevano ammaliato e soprattutto avevano risvegliato in noi quelle radici lontane della Magna Grecia che ci hanno fatto sentire subito a casa. Si, Naxos, le Cicladi sono anche la nostra patria e così spinti da una irrefrenabile voglia di ripercorrere i fasti della Magna Grecia ed ancor prima di quel “mito” che in Sicilia è di casa (Dioniso, Giove, Apollo, Arianna), eccoci nuovamente a Naxos.
Che bella Naxos d’inverno. Le sue viuzze “veneziane”, il suo castello imponente, e poi le chiese, i portici, la gente. Un mix di emozioni che poi è esploso negli eventi di carnevale. Dalla Pithighia alle Lambadofories sino ai riti ancestrali dei villaggi di Kourounohori e Apiranthos. Raccontare a parole cosa accade a Naxos durante il carnevale è impossibile e così l’unico modo per capire cosa accade è quello di “vivere” l’evento, Essere lì in mezzo a queste migliaia di giovani e meno giovani che ritornano indietro nel tempo, con i loro abiti bianchi, con le fiaccole accese e con il viso camuffato da colori nero e bianco. Ma un modo per raccontare in maniera semplice ed efficace c’era ed allora ecco che le telecamere di Tutto In” si sino immersi in quella marea di gente sicuri che il programma che avremmo realizzato avrebbe potuto dare il giusto senso storico ed emotivo di una Naxos “divina”, “immensa”, emozionante.
È proprio così, ci siamo emozionati e non solo per gli eventi del mito, ma anche per un’isola che nella sua grandezza è tanto variegata e diversa.
Ora capisco perché Dioniso (Bacco) ed Arianna hanno voluto vivere la loro intensa storia d’amore ai piedi della Portara, la porta di Apollo che domina l’isola. E noi? Chissà se ritorneremo ancora a Naxos, intanto ci consoliamo con un’altra Naxos, quella che i Greci fondarono in Sicilia, a due passi dal vulcano Etna, Giardini Naxos.
Il nostro omaggio a questa fantastica isola delle Cicladi ed al popolo di Nasso è compendiato in tre puntate del programma di Onda Tv “Tutto In” e la prima è mercoledì 7 marzo, la seconda mercoledì 21 e la terza giovedì 22 marzo.

San Fratello (ME): Ad otto anni dalla frana arriva il Governatore Musumeci
Sono passati otto anni dal quel 14 febbraio 2010, quando la frana costrinse 1500 Sanfratellani ad abbandonare le case. Otto anni nei quali speranze e sogni andarono perduti. Eppure lo Stato, il Governo Nazionale e Regionale, ha speso sinora 70 milioni di euro per mettere in sicurezza il territorio martoriato dalla frana. Ma le aspettative, il futuro? Sembrano mancare e così l’arrivo del nuovo governatore della Sicilia, Nello Musumeci, alimenta nuovamente quelle speranze che sembrano perdute.
Nello Musumeci, lo ha promesso: “D’ora in poi il completamento della ricostruzione passerà per le mie mani”. In tanti lo hanno applaudito e noi di Onda Tv che da quel maledetto pomeriggio del 14 febbraio 2010, non abbiamo mai lasciato soli gli abitanti di San Fratello, seguiremo il suo percorso. Intanto fra pochi giorni arriva la Pasqua di San Fratello e con la Pasqua anche i Giudei a ricordare che questo territorio è un contenitore di tradizioni e costumi.
La chiesa di San Nicola sembra non possa tornare al suo posto ma forse nei paraggi nella zona rossa, dopo gli interventi qualcosa potrà cambiare. Cioè si potrà costruire. Un sogno accarezzato da tanti e soprattutto dall’ex sindaco Salvatore Sidoti Pinto che ce lo ha confidato ai microfoni della nostra trasmissione.
Ma il sogno di tutti è la realizzazione di un’opera che potrà completare la messa in sicurezza anche della montagna che scende a valle dall’abitato di San Fratello. Il depuratore con la stazione di smistamento di tutte quelle acque che i 33 pozzi, costati 70 milioni di euro, raccolgono. Si eviterebbe così che eventuali pericoli derivanti dallo smottamento dello zoccolo della montagna coinvolgano nuovamente il paese.